Press Releases

La spina dorsale della produzione

 Link permanente   tutti i messaggi

La spina dorsale della produzione

Baustoffwerke Havelland - Content Image12 ore piene di attività giornaliera, per 230 giorni all'anno, fino a 5 tonnellate per ciclo e incredibilmente importante per la produzione: La Baustoffwerke Havelland è un'azienda produttrice di materiali per l'edilizia che, da marzo 2017, fa affidamento sul carrello elevatore per impieghi gravosi Yale® GDP 120DC fornito dalla concessionaria Yale MF Gabelstapler Service GmbH. La Baustoffwerke Havelland è situata a nordovest di Berlino dove produce mattoni per l'edilizia. Questo GDP120 è realizzato su misura a seconda delle proprie necessità, compresa unapinza per mattoni idraulica.

L'azienda fornisce un kit modulare per l'edilizia: I prodotti di grande formato consegnati dalla fabbrica Unika KS sono tra i più venduti della gamma Baustoffwerke Havelland. Gli architetti inviano i dati CAD direttamente al produttoredi mattoni di sabbia e calce spenta, il quale poi produce gli "elementi piallati" di precisione pronti per essere assemblatiin cantiere. Sebbene ciò faciliti notevolmente l'attività del costruttore edile, rappresenta una sfida notevole per ilproduttore: gli elementi piallatihanno varie dimensioni e larghezze, anche di un metro. Poiché vengono venduti al pezzo, la pallettizzazione non ha alcun senso: alla fine della linea di produzione degli elementi piallatiè necessario un carrello elevatore. Questo è in grado di afferrarefino a 20 elementi per un peso complessivo fino a 5 tonnellate e trasporta il bloccofino all'area di deposito esternodell'azienda. Al momento della consegna al cantiere, il carrello elevatore preleva gli articoli specificie li colloca su un autocarro, 24 ore su 24, 230 giorni all'anno.

Questo tipo di logistica di trasporto non può subire interruzioni. Olaf Lilie, direttore tecnico di Baustoffwerke Havelland, dichiara: “Se il carrello elevatore si ferma, la produzionesi arresta.” Questo sistema ha funzionato bene per molti anni, ma nel 2016 l'azienda ha deciso di introdurre un fattore di riserva nella sua logistica di magazzinaggio acquistando un secondo carrello elevatore per impieghi gravosi, soprattutto dal momentoche il modello precedente era stato in servizio per diversi anni. Oltre alle caratteristiche tecniche, l'azienda produttrice di materiali per l'edilizia ha tenuto in conto anche il costo complessivo. Olaf Lilie spiega:“Non serve a nulla che i costidi investimentoiniziali siano bassi se abbiamo costi di esercizio elevati, periodi prolungati di arresto della produzione o alti costi di manutenzione”.L'aspetto cruciale in questo caso è l'economia nel lungo termine, che comprende anche l'aspetto del tempo dirisposta in assistenza. Il Sig, Lilie aggiunge: “In poche parole, a noi serve una solida stabilità.” Che si traduce in un carrello elevatoreper impieghi gravosida 12 tonnellate, perché l'azienda produttrice di materiali per l'edilizia non voleva correre il rischio che un carrello elevatore di minori dimensioni movimentasse i carichi spesso pesanti e rischiare periodidi arresto dell'attivitàpiù lunghi. Il nuovo carrello elevatore doveva essere adatto e affidabile in caso diimpieghi gravosi e in grado di spostarsi rapidamente sul terreno.

La Baustoffwerke Havelland ha fatto varie indagini, ha ricevuto molte offerte, ma ha optato rapidamente per l'unità Yale. MF Gabelstapler ha offerto un modello che era compatibile con lo stoccatore a pinze con cui avevano acquisito una buona esperienza per oltre cinque anni. Il Sig. Lilie dichiara: “Abbiamo scelto quello che conosciamo e ci piace. Non volevamo fare esperimenti”.Si fidavano del prodotto Yale in base alla pregressa esperienza.

Oltretutto, gli esperti di mattoni nello stato tedesco di Brandenburgo hanno aperto un nuovo capitolo di collaborazione con MF Gabelstapler Service, un concessionario Yale, e apprezzano i servizi forniti ex novo. Olaf Lilie racconta: “Tutti gli incontri e le discussioni sono stati costruttivi”. MF Gabelstapler ha compreso rapidamente le esigenze della Baustoffwerke Havelland e ha proposto i suggerimenti del caso. “Sanno di cosa parlano. Ci siamo accordati presto con MF Gabelstapler sulle specifiche dettagliate. Non ci sonolamentele sulla qualità dei servizi”.

L'acquisto di un carrello elevatore standard per questa attività gravosa non era un'opzione idonea per la Baustoffwerke Havelland. La caratteristica fondamentale del GDP 120 alla Havelland è la pinza di fissaggio per mattoni idraulica fornita da Steinweg Klammersysteme. La pinza è una versione ampliata con una larghezza complessiva di 230 centimetri, che si adatta alle dimensioni degli elementi piallatidi grande formato, le forchehanno un rivestimento speciale in modo da poter movimentare contemporaneamente pietre nude e pietre avvolte con la plastica. Una lampada a LED sulla forcafacilita il lavoro quando l'illuminazione è scarsa: una caratteristica aggiuntiva suggerita dagli stessi operatori del carrello elevatore.

Alla Baustoffwerke Havelland era prioritario tenere conto dei suggerimenti del personale nello scegliere questa apparecchiatura di importanza cruciale. Tra gli aspetti importanti emersi vi era la necessità di migliorare il comfort e il benessere dell'operatore al lavoro: il veicolo è dotato di sedile con sospensione pneumatica, schienale ampliato, sostegno lombare ed è riscaldato. La cabina completamente provvista di vetri è dotata di un impianto di ricircolo dell'aria, una luce di lettura e unamensolaper i documenti, il tutto concepito per alleggerire l'ambiente di lavoro, con la dotazione di una apparecchio radio per l'intrattenimento. Olaf Lilie dice: “Per noi era importante che il personale disponesse di un luogo di lavoro gradevole e protetto”.

I dipendenti della Baustoffwerke Havelland apprezzano questo aspetto. “È il mio macchinario preferito” è una frase che Olaf Lilie sente dire spesso dal suo personale; tutti gli operatori si sentono “a casa” nel nuovo carrello elevatore Yale. E per quanto riguarda la direzione dell'azienda, il direttore tecnico dice che le aspettative riposte nella nuova unità “sono state pienamente e completamente soddisfatte”. Il carrello elevatore è in servizio alla Baustoffwerke Havelland da marzo 2017: a detta di Olaf Lilie, la sua disponibilità e le sue prestazioni sono impeccabili. Inoltre, le comunicazioni con il concessionario sono efficienti e immediate. MF Gabelstapler ha mantenuto il contatto post-vendita con la Baustoffwerke Havelland e si impegna al massimo persoddisfare le necessità aziendali circa il carrello elevatore. Il Sig. Lilie conclude: “Riteniamo di essere in buone mani”.

Per ulteriori informazioni sulla gamma di apparecchiature per la movimentazione dei materiali fornite da Yale, visitare il sito Web all'indirizzo www.yale.com. Per maggiori informazioni su MF Gabelstapler Service GmbH, visitare il sito Web all'indirizzo www.mfgabelstapler.de/. Per maggiori informazioni sulla Baustoffwerke Havelland, visitare il sito Web all'indirizzo www.baustoffwerke-havelland.de.