Press Releases

L’attenzione al servizio migliora l’efficienza del magazzino

 Link permanente   tutti i messaggi

L’attenzione al servizio migliora l’efficienza del magazzino

Ehmann-Holz-Zentrum - Content ImageQuando nel 2016 la sede di Neumarkt di Ehmann Holz-Zentrum è stata identificata come centro di competenza, si è evidenziata la necessità di ripensare lo spazio limitato e i processi logistici obsoleti. L’obiettivo era massimizzare l’efficienza del magazzino con una gamma di prodotti più specifica per pavimenti, pareti, soffitti, porte e costruzioni in legno. Concentrandosi sul servizio al cliente il concessionario tedesco Yale® M. + S. Bauer ha contribuito a incrementare notevolmente l’efficienza dei processi logistici affinché Ehmann Holz-Zentrum potesse mantenere la propria promessa di servizio just-in-time.

“Il segreto del nostro successo è una collaborazione pluriennale di grande affidabilità non solo con i nostri fornitori di legno e di materiali di costruzione, ma anche con i nostri fornitori logistici” spiega Herbert Ettl, Operations Manager presso l’Ehmann Holz-Zentrum a Neumarkt (Germania). “Questo significa che possiamo offrire ai nostri clienti prodotti e servizio di alta qualità”. Il processo inizia con il servizio di consegna per le merci ordinate entro le 11.30 del giorno precedente tramite uno shop online e continua con la fornitura di prodotti specializzati, come la consegna di merci di lunghezza extra con un camion con rimorchio. “I nostri camion sono il magazzino dell’artigiano” dice Ettl “che conta su di noi per fornirgli le merci just-in-time”.

Il Gruppo Gebhardt è totalmente dedicato alla fornitura di prodotti e servizi nel settore del legno. I falegnami, i progettisti d’interni, gli editori, gli appaltatori, i decoratori e le società industriali possono fare affidamento su Gebhardt per un’ampia gamma di prodotti che spaziano dalle materie prime al legno di design. Non si tratta esclusivamente di qualità di prodotto elevata ma anche di un’offerta di servizio conforme alle esigenze, a partire dalla consultazione dei prodotti, dalla rapida evasione degli ordini e quindi dalla consegna puntuale al cliente. Con il supporto di una logistica di elevata efficienza, in cui i carrelli elevatori Yale giocano un ruolo essenziale, il grossista di legno si assicura un vantaggio competitivo.

Tutto inizia e finisce con un servizio eccellente

Al fine di mantenere le promesse alla clientela, la logistica interna di Ehmann deve funzionare come un orologio. I tempi di approvvigionamento dalla ricezione degli ordini alla spedizione delle merci devono scorrere rapidamente e senza intoppi. La riduzione del pericolo di danni o di consegna non corretta è di importanza primaria. Per tale ragione, il grossista del legno si attende un servizio affidabile e reattivo dai propri fornitori.

“Non si limita tutto al prezzo” dice Ettl. “Per noi, il servizio è una parte essenziale della decisione così come la relazione basata su uno spirito di collaborazione in cui si forniscano valide risposte alle sfide. Per questa ragione abbiamo selezionato Yale e M. + S. Bauer in funzione dell’approccio collaborativo che li contraddistingue”.

Miglioramenti di processo con una linea prodotto ridotta

Ehmann Holz-Zentrum è stato acquisito dal Gebhardt Group nel 2008 e lo specialista del legno vendeva la stessa gamma prodotto della consociata Gebhardt Holz-Zentrum a Cham. Pertanto nel 2016, la direzione ha preso la decisione di identificare Ehmann come centro di competenza date le dimensioni ridotte. Questa decisione è dovuta in misura altrettanto importante al fatto che la sede di Neumarkt, con un’area totale di 23.000 m2 e 10.000 m2 di spazio dedicato al magazzino, ha dimensioni significativamente inferiori alla sede di Cham che dispone di un’area totale di 70.000 m2 e di un’area di magazzino di 30.000 m2. Poiché a Neumarkt non era possibile prevedere un’espansione, l’attività di Ehmann era limitata dallo spazio disponibile con una conseguente riduzione della gamma di prodotti. Pertanto si è evidenziata la necessità di un’attenta rivalutazione della logistica interna per ottimizzare i processi.

“I nostri processi logistici interni non erano più attuali” spiega Ettl. “Prenda, ad esempio, il prelievo nella gamma prodotto delle porte, che viene eseguito per singolo appartamento. Un appartamento ha da 10 a 12 porte a seconda delle dimensioni. In precedenza, l’operatore di magazzino prelevava ciascuna merce dell’ordine individualmente, ovvero trasferendo ciascuna porta alla zona di commissionamento tramite un carrello elevatore dalla corsia della scaffalatura pertinente e dall’area ripiano sino a quando tutti gli articoli non erano stati prelevati”. Nell’area di commissionamento gli articoli erano combinati in un unico ordine e preparati per la spedizione. “L’esecuzione di tale processo risultava molto dispersiva in termini di tempo ed efficienza, perché il veicolo si muoveva costantemente tra le corsie individuali e l’area di immagazzinamento su scaffale e l’area di prelievo” continua Ettl. “L’ottimizzazione dei nostri processi di prelievo era in cima alla lista delle priorità al fine di soddisfare le richieste del cliente nel centro di competenza. Al contempo, desideravamo rendere più semplice e sicuro il lavoro dei nostri dipendenti migliorando la movimentazione del materiale”.

Come primo passo, Ehmann ha predisposto delle aree d’immagazzinamento e ha raggruppato i prodotti collegati e ora tutti i componenti di un prodotto sono stoccati in un magazzino e gli articoli associati sono immagazzinati nella medesima corsia. La gamma prodotto delle porte, accessori inclusi, è ubicata in un ambiente da 2.000 m2 con un sistema di scaffalature a corsia stretta con 5 corsie. Il grossista di legno necessitava anche di una soluzione più efficiente per il trasporto di materiali. Poiché Ehmann collaborava con Yale dal 2007 presso la sede di Cham ed era molto soddisfatto di entrambi i carrelli elevatori e del concessionario Yale, ha richiesto a quest’ultimo di sviluppare una soluzione.

“I veicoli Yale sono un’espressione di elevata qualità e affidabilità. Inoltre, il servizio eccellente e l’ottima collaborazione con il concessionario Yale, M. + S. Bauer, sono altrettanto importanti per noi. Con Martin Gärth, il nostro consulente di vendita, abbiamo già completato il progetto a Cham. Ci fidiamo di lui e della sua competenza nel campo della movimentazione di materiali”.

Una soluzione di prelievo personalizzata amplifica le prestazioni

"M. + S. Bauer ha sviluppato una soluzione molto intelligente per noi che soddisfa al massimo le nostre esigenze e che ha incrementato significativamente l’efficienza dei nostri processi logistici” commenta Ettl. Per il prelievo di porte e telai, Ehmann ora ha acquistato due carrelli commissionatori per prelievi di alto livello Yale MO10 oltre a un carrello retrattile Yale MR16. Il dettaglio vincente è l’attrezzatura ingegnosa di uno dei carrelli commissionatori per prelievi di alto livello: una pedana sulla quale l’operatore può eseguire il commissionamento.

“È stato utile integrare la pedana di carico nel veicolo” dice Martin Gärth, consulente di vendita presso M. + S. Bauer. “Per questa ragione abbiamo deciso di prendere questo aspetto in considerazione nel veicolo di nostra concezione”.

A Cham, la società si avvaleva di un carrello bilaterale a quattro vie con pedana e questo significava che un ordine poteva essere completato in un ciclo. Tuttavia, poiché il carrello era lungo 8,60 m, prendeva molto spazio e questo, insieme a una manovrabilità limitata, significava che i cambi frequenti di corsia durante il commissionamento risultavano molto dispendiosi in termini di tempo.

La manovrabilità è particolarmente importante nel magazzino di Ehmann dato che la corsia è larga solo 3,60 m.

“Il veicolo non solo deve essere in grado di movimentare carichi di una tonnellata, approssimativamente equivalente al peso della pedana carica, ma anche di soddisfare la sfida rappresentata da porte e telai ingombranti da movimentare in un modo che garantisca la protezione del materiale. La rimozione degli articoli non deve richiedere un grande sforzo da parte del dipendente e ogni prodotto deve essere ispezionato durante il commissionamento al fine di evitare errori e danni al cartone o in modo da consentire l’osservazione diretta delle merci” afferma Gärth. Prendendo in considerazione tutte queste esigenze, il concessionario Yale ha presentato al cliente una soluzione di veicolo personalizzata.

Le dimensioni di una pedana di prelievo corrispondono esattamente alle dimensioni delle porte e dei telai con una larghezza di 3,10 m e una profondità di 2,10 m e offrono all’operatore sufficiente spazio per movimentare le merci. La pedana è fissata al veicolo tramite viti in modo da consentire adattamenti, se richiesti. Per ragioni di sicurezza, è dotata di un corrimano completamente bloccabile e consiste di una struttura in tubolare di acciaio realizzata con componenti lavorati a laser e smussati, aventi un design modulare. Se Ehmann desidera utilizzare un’altezza di prelievo differente in futuro, il corrimano può essere regolato. Attualmente la pedana è installata a un’altezza massima di 5,60 m e l’operatore può aprirla grazie a una impugnatura di appiglio. I sensori monitorano se le porte sono bloccate, condizione indispensabile per consentire la marcia. Un pavimento ammortizzato in legno garantisce che il guidatore calpesti una superficie gradevole. Affinché l’operatore sia in grado di ispezionare le merci una volta rimosse dal ripiano, sul veicolo sono installati dei fari che garantiscono l’illuminazione del ripiano.

Ottimizzazione passo per passo

Con il carrello commissionatore Yale, estremamente maneggevole, un ordine può essere evaso completamente: il veicolo, a filo-guida, entra nella corsia corrispondente della scaffalatura e, successivamente si sposta di ripiano in ripiano per prelevare le merci. Al ripiano, l’operatore trasferisce le porte dal ripiano stesso all’area di prelievo tramite un dispositivo a rotolamento sulla pedana. Se un ordine è stato evaso, posiziona le merci sulla zona di uscita nell’area corrispondente dove queste ultime vengono preparate per la spedizione. Il veicolo abbandona il filo solo al di fuori dello scaffale. L’immagazzinaggio delle merci è effettuato con l’ausilio del carrello retrattile MR16 che carica la pedana.

“Il vantaggio della nuova soluzione risiede prima di tutto nei risparmi di costi del materiale e di tempo. Le distanze di prelievo così come il tempo per i prelievi individuali sono divenuti molto inferiori” spiega Ettl. “Grazie ai tempi di approvvigionamento inferiori, il prodotto raggiunge il negozio del cliente prima”.

Non è solo il flusso interno dei materiali che è stato reso più efficiente. Eliminando le pre-aree, Ehmann risparmia anche del prezioso spazio di immagazzinaggio. Ehmann si attende anche un’ulteriore ottimizzazione tramite l’introduzione di un sistema di gestione del magazzino in fase di implementazione. Passando da un commissionamento con supporto cartaceo a un processo privo di documentazione scritta, l’efficienza dovrebbe incrementarsi ulteriormente. In futuro, tutta la movimentazione materiali dall’area di ricezione merci all’area di uscita merci dovrà essere gestita tramite scanner e terminali dati. Quando l’intero processo di ordinazione è eseguito tramite il sistema di gestione magazzino, il processo di prelievo può essere ottimizzato ulteriormente affinché la capacità di movimentazione possa incrementarsi da 50 a 80/90 ordini al giorno.

“Abbiamo posto le fondamenta per un’ulteriore crescita” afferma Ettl. “Vogliamo crescere in modo organico. Una cosa è assolutamente certa, in caso di necessità di ulteriori carrelli, Yale sarà ancora la nostra prima scelta.”

Per maggiori informazioni, visitare www.yale.com.