Press Releases

Yale® alimenta il successo della MotoGP™

 Link permanente   tutti i messaggi

Yale MotoGP Automotive Hazardous Materials - Content ImageQuando si organizzano eventi su scala globale è necessario che tutte le persone e le aziende coinvolte collaborino senza interruzioni. Per Dorna, organizzatrice del Campionato del Mondo FIM MotoGP™, disporre delle apparecchiature adatte è fondamentale al fine di garantire un'organizzazione impeccabile e di consentire ai team di intrattenere e divertire spettatori e fan in tutto il mondo.

La buona riuscita di ogni weekend di gara inizia dalle operazioni di scarico dei camion di Dorna che trasportano tutte le attrezzature da circuito in circuito. Robert Berenguer, Director Logistico del reparto operativo di Dorna Sports, ha dichiarato: "Nelle operazioni di carico e scarico sono coinvolte molte persone. I camion che trasportano l'attrezzatura arrivano la domenica sera o il lunedì mattina precedenti la gara; in quel momento è necessario che siano tutti pronti a scaricare e montare l'attrezzatura prima che squadre e tifosi si presentino al circuito."

Yale Europe Materials Handling, fornitrice ufficiale di carrelli elevatori per il campionato MotoGP™ 2017, ha messo a disposizione la propria gamma di carrelli elevatori a forche dalle diverse capacità di sollevamento per consentire agli addetti della logistica di trasportare l'attrezzatura in maniera veloce, facile e affidabile.

Yale: all'altezza della sfida

I carrelli elevatori di Yale® hanno avuto un ruolo importante nel successo dei weekend di gara, occupandosi di svariati compiti tra i quali lo spostamento dell'attrezzatura delle squadre (come per esempio gli pneumatici) e la movimentazione del carburante delle moto. Due componenti tipiche di ogni stagione di MotoGP™ hanno poi contribuito a mettere ulteriormente alla prova le mansioni fondamentali svolte da Yale, vale a dire i GP che si svolgono a 7 giorni di distanza e quelli che si svolgono a enorme distanza l'uno dall'altro.

I weekend di gara che si svolgono a una sola settimana dalla gara precedente sono molto impegnativi per Dorna. Si riduce notevolmente il tempo a disposizione per smontare, imballare e spedire tutta l'attrezzatura al successivo circuito, per poi scaricarla e rimontarla secondo gli elevatissimi standard qualitativi imposti dal livello del campionato.

"I weekend di gara che si susseguono senza una settimana di pausa devono essere affrontati con maggiore flessibilità da parte di tutta l'équipe. Ad esempio, per eseguire in tempo il trasferimento dalla Repubblica Ceca all'Austria, i primi camion devono essere pronti a partire già la domenica sera”, spiega Robert; “alcuni membri del team devono già trovarsi in Austria il lunedì mattina, il che comporta che vi sia una parte di squadra al lavoro contemporaneamente su entrambi i circuiti, l'una per imballare e caricare, l'altra per scaricare e montare".

La seconda sfida logistica principale presentata dal calendario della MotoGP™ consiste nel trasporto di tutta l'attrezzatura da una gara situata in Europa a circuiti ubicati oltreoceano. È questo il caso del Gran Premio d'Aragona, in Spagna, al quale ha fatto seguito il Gran Premio del Giappone a Motegi: tutta l'attrezzatura targata MotoGP™ è stata quindi spedita nel Paese del Sol Levante.

Robert spiega: "Gli eventi europei sono relativamente semplici da organizzare, ma a seguito del Gran Premio di Aragona ci viene richiesto di trasferire in Giappone non solo la nostra attrezzatura, ma anche quella di tutti i team. Il numero di camion coinvolti passa quindi da 15 a oltre 50. E anche la loro destinazione d'uso cambia, perché le sfide che comporta il trasferimento dell'attrezzatura da una gara europea a una extraeuropea sono del tutto particolari".

Robert spiega: "Gli eventi europei sono relativamente semplici da organizzare, ma a seguito del Gran Premio di Aragona ci viene richiesto di trasferire in Giappone non solo la nostra attrezzatura, ma anche quella di tutti i team. Il numero di camion coinvolti passa quindi da 15 a oltre 50. E anche la loro destinazione d'uso cambia, perché le sfide che comporta il trasferimento dell'attrezzatura da una gara europea a una extraeuropea sono del tutto particolari".In Aragona, per far fronte al carico supplementare Yale ha fornito a Dorna il doppio dei carrelli elevatori che solitamente mette a disposizione per gli altri GP, onde consentire agli organizzatori di rispettare le tempistiche previste.

"La domenica sera abbiamo utilizzato il doppio di carrelli elevatori perché, oltre alle normali attività, abbiamo dovuto consegnare le casse vuote che i team avrebbero dovuto riempire, e che noi avremmo dovuto iniziare a trasferire dall'indomani”, sottolinea Robert.

In questi eventi il tempo è strettissimo, specialmente perché trasportiamo oggetti di team, i quali necessitano la consegna puntuale di tutta la loro attrezzatura senza scaglionamenti".

Mantenere in pista i team

I carrelli elevatori non sono serviti solamente a soddisfare le esigenze di Dorna, in quanto anche i team hanno chiesto aiuto per trasportare le loro infrastrutture da un paddock all'altro.

L'attrezzatura dei team è probabilmente la più delicata e preziosa di tutte. Carburante, pneumatici, le stesse moto devono essere trasferiti con la massima cura. Tutto ha il suo posto, meticolosamente pianificato in anticipo; ogni errore potrebbe avere conseguenze disastrose per i piloti e i team se un elemento fondamentale potrebbe non trovarsi nel luogo in cui è necessario che sia in un determinato momento.

Nel corso di un singolo evento, ciascun team utilizzerà moltissimi pneumatici; durante ogni weekend di gara, i piloti possono utilizzare un massimo di 36 pneumatici a testa, a seconda delle condizioni climatiche e del loro posizionamento in qualifica. I carrelli elevatori Yale hanno permesso di consegnare in tempo e in tutta sicurezza gli pneumatici da asciutto e quelli da bagnato presso la postazione di ogni team durante i weekend di gara.

Un altro componente fondamentale per far sì che le moto raggiungano il massimo del loro potenziale è il carburante speciale: i carrelli elevatori Yale si sono occupati con successo anche della movimentazione di questo elemento nel paddock. Gli operatori hanno dovuto utilizzare la massima cura e precisione mentre spostavano questo carico pericoloso. Infatti, nei paddock brulicanti di persone è stato necessario dotarsi di un elevato livello di attenzione e vigilanza. Se il carburante non fosse stato consegnato in tempo e in sicurezza, le moto non avrebbero potuto scendere in pista!

Affidabilità: la base del successo

La collaborazione tra Yale e MotoGP™ ha aiutato ad alimentare il frenetico mondo delle corse, lavorando a stretto contatto in modo tale da assicurare al campionato produttività e successo.

Robert ha spiegato che "Avere carrelli elevatori su cui sia noi, sia i team potevano fare affidamento ci ha aiutato a offrire ai fan eventi eccezionali." "Per produrre un weekend di gara MotoGP™ è necessaria un'enorme quantità di lavoro dietro le quinte, dalla costruzione e montaggio dell'area di ispezione fino al rifornimento delle moto. Tutto deve funzionare alla perfezione, e ci siamo assicurati che l'attrezzatura utilizzata per soddisfare le esigenze della competizione fosse all'altezza dei nostri elevatissimi standard. Grazie alla collaborazione con Yale abbiamo potuto contare su strumenti che conoscevamo bene in qualsiasi parte del mondo, in grado di portare a termine il loro lavoro con precisione e puntualità"."

Per ulteriori informazioni sulla gamma delle apparecchiature per la movimentazione dei materiali di Yale, visitare www.yale.com.